Tommaso Simili’s Best of the Best 2014

home > blog > Tommaso Simili’s Best of the Best 2014
6 January 2015
Tommaso Simili’s Best of the Best 2014

In rigoroso ordine cronologico, da gennaio a dicembre:

10. True Detective. Per varie ragioni, la serie TV

http://www.viagragenericoes24.com/maca-peruana-viagra-natural

dell’anno: breve, autoconclusiva, attori in stato di grazia, titoli di testa memorabili, un superlativo piano sequenza di 7 minuti.

9. The War On Drugs al Primavera Sound di Barcellona. Lost in the dream è il mio disco dell’anno e dal vivo sono e suonano una

http://www.laviagraes.com/cuanto-cuesta-la-viagra-en-farmacia

bomba (nonostante

http://www.laviagraes.com/viagra-generico-cubano

quello che dica Mark Kozelek).

8. Le Storie Mondiali di Federico Buffa. L’arte dell’affabulazione che ti fa passare dal Maracanazo a Bruce Springsteen.

7. Leviatano di Philip Hoare. Chiamatelo saggio, chiamatelo romanzo: la più avvincente digressione negli abissi del mito partendo dal più bel libro mai scritto.

6. Prospettiva Vegetale di Giuseppe Penone. Alberi squarciati, rami intricati e pietre sospese su un panorama mozzafiato. La mostra più bella dell’anno.

5. François Truffaut. Perché a 30 anni dalla scomparsa a viagra sans ordonnance me manca ancora moltissimo.

4. Boyhood di Richard Linklater. La follia di un progetto durato 12 anni. Cinema autentico e puro per raccontare la normalità di una vita. Che sappiamo non essere fatta di scene madri.

3. l trailer del nuovo Star Wars. La forza di 88 secondi che ti ripiombano nel mito, la frustrazione di dover aspettare un anno per poterne vedere prix vrai viagra di più.

2. Xavier Dolan. Vitale, spudorato, commovente. Come ho fatto a vivere fino adesso senza

http://www.viagragenericoes24.com

il venticinquenne regista-sceneggiatore-attore-produttore-montatore-costumista canadese?

1. Norman Rockwell a Roma. Camminare per Via del Corso e imbattersi nella mostra di uno dei tuoi illustratori preferiti. Ironia, acume e tecnica per un grande storyteller.

pubblicato da
Tommaso Simili è nato a Bologna nell’anno di Barry Lyndon, Picnic a Hanging Rock, Lo Squalo e Qualcuno volò sul nido del cuculo. Si è laureato in Scienze Naturali con una tesi sulle falene solamente per poter invitare le ragazze a vedere la sua collezione di farfalle. Vede gente, fa cose: ufficio stampa per un solare teatro di Bologna, lavorato in una videoteca d’essai, insegnato teatro a bambini ormonati, mostrato come si dà da mangiare a un asino. Ora è alla Comunicazione di una nota azienda che trasforma il latte. Ha una band che si chiama come la battuta di un film di Truffaut, regista che va a trovare al cimitero di Montmartre tutte le volte che va a Parigi. Da dodici anni conduce SecondaVisione, il settimanale di cinema, sciocchezze e pretese culturali di Radio Città del Capo. È sposato con due gatti.

tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


condividi

Top

lascia un commento: