Massimo Vitali’s Best of the Best 2014

home > blog > Massimo Vitali’s Best of the Best 2014
29 December 2014
Massimo Vitali’s Best of the Best 2014

Avvertenza: questa non è una classifica. A parte la prima posizione, così numero uno da ordinare le altre in ordine sparso.

10. Come distinguere gli amici dalle scimmie di Will Cuppy. Un libro scritto negli anni trenta e pubblicato nel 2014 da Add editore. Un libro strepitoso come solo gli animali – uomo compreso – sanno essere.

9. The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese. Non avrei mai immaginato di fare il tifo per Leonardo Di Caprio alla notte degli Oscar. Il film è davvero bello e tu, Leo, hai tutta la mia ammirazione e il mio Oscar.

8. L’arte delle lettere a cura di Shaun Usher, editore Feltrinelli. Aprire una pagina a caso e trovare la lettera di un bimbo cubano di 9 anni che levitra cost uk chiede al presidente degli Stati Uniti d’America di ricevere una banconota americana perché non ne ha mai vista una. Il presidente era Franklin Delano Roosevelt,

https://www.levitradosageus24.com/cheapest-levitra-online/

mentre il bimbo si chiamava Fidel Castro.

7. Belle and Sebastian in concerto alla Rocca Malatestiana di Cesena. Quando l’inizio di un concerto ti fa venire la pelle d’oca al primo accordo significa che quel concerto sarà bellissimo e così è stato nonostante quello di fianco a me che li aveva visti tutti alla fine ha detto che era stato il più brutto che aveva visto.

6. Antonio Faeti e le sue bellissime lezioni alla Biblioteca di San Giorgio in Poggiale a Bologna. Da Agatha Christie a Fellini, passando per Tex, Faulkner e Collodi. Capitato per caso a una lezione, sono tornato anche per tutte le successive a parte una ma solo perché avevo la febbre.

5. Gran Budapest Hotel di Wes Anderson. In molti vorrebbero vivere la propria vita dentro un film di Wes Anderson e io non faccio differenza.

4. Alessandro Bergonzoni all’Arena del Sole di Bologna: sarà dimagrito almeno dieci chili ma il suo ultimo spettacolo Nessi provoca grasse risate e grosse riflessioni. La prima: ma è umano?

3. Acquistare l’ultimo modello di libreria rimasto in esposizione da Ricci Casa e pretendere compresi nel prezzo anche i libri appoggiati a casaccio: Tonino Guerra e Luigi Malerba, Millemosche (4 volumi illustrati da Adriano Zannino, prima – e unica – edizione Bompiani 1970)

2. Nebraska di Alexander Payne: un film che insegna a tutti, addetti ai lavori e spettatori, come si può fare grande cinema senza stupire con effetti speciali, senza scomodare attori famosi e senza nemmeno i colori.

1. Paolo Conte: abbiamo bisticciato per tre dischi consecutivi.

http://www.viagragenericoes24.com/comprar-viagra-con-paypal

Poi dopo 4 anni di silenzio è arrivato Snob e abbiamo fatto pace. Prima sul lettore, poi di persona. Al Teatro Europauditorium di Bologna, a fine concerto, fuori dal suo camerino: dopo averlo fissato per dieci lunghi secondi senza dire nulla, non sapendo cosa aggiungere, l’ho abbracciato e stretto così forte che abbiamo quasi perso i sensi entrambi, ognuno per diversi motivi.

pubblicato da
A Massimo Vitali gli tagliano l’ombelico a Bologna nel 1978. Lavora all’ufficio reclami di una multinazionale svedese che non è l’Ikea e insegna nuoto in una piscina dove è possibile coltivare i funghi. Ha pubblicato i romanzi "L’amore non si dice" (2010) e "Se son rose" (2011) entrambi per l’editore Fernandel. È promotore del progetto "Chi ha paura della fantasia?" laboratorio per bambini che inizia con Gianni e finisce per Rodari. È autore e conduttore su Radio Città Fujiko del programma "Ufficio Reclami". È voce di un ciclo di letture radiofoniche sul testo “Marionette in libertà” di Gianni Rodari. Cura una rubrica settimanale su "Smemoranda", collabora con "Rockit", "Indaco" e ogni tanto scrive di libri che ha in casa e altre cose nei paraggi. Anche se passa gran parte del suo tempo fra le nuvole, questo non vuol dire che sia sceso con l’ultima pioggia.

tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,


condividi

Top

lascia un commento: