post di Cecilia Ghidotti

home > articoli di: Cecilia Ghidotti
Cecilia Ghidotti's Best of the Best 2013

Cecilia Ghidotti's Best of the Best 2013

10. Il lamantino. Perché privarsi della gioia di aprire la classifica con un animale?
Chi conosce già l’esistenza del lamantino mi capirà, chi ancora lo deve conoscere non potrà che approvare la mia scelta. Ibrido tra una foca, un maiale e diversi animali a scelta (un gatto ed un ippopotamo) questo pacioso erbivoro subacqueo veniva, nei tempi antichi, facilmente scambiato da marinai allo stremo delle forze per una ben più fascinosa sirena. Si mostra senza alcun problema mentre divora lattuga, al contrario del più altezzoso delfino che snobba i visitatori dell’acquario e fa piangere i bambini. continua →

Cecilia Ghidotti's Best of the Best 2012

Cecilia Ghidotti's Best of the Best 2012

10) Ginnaste – Vite parallele ovvero come riuscire a rendere interessante la vita di un gruppo di poverette che passa l’adolescenza ad affinare esercizi di ginnastica irreplicabili dai più, sotto l’amorevole guida di allenatori assetati di sangue. Senza dimenticare i One direction. Ginnaste-Vita di Merda. continua →

{racconto}Sharm

{racconto}Sharm

p>– La facciamo completa?
– Il minimo indispensabile, grazie.
La ragazza carina col camice bianco e la coda alta non commenta e attacca la spina del pentolino.
– Preparati, arrivo subito –. Agata si toglie sandali e i pantaloni leggeri. Un telefono squilla oltre la porta a soffietto e Agata la sente rispondere: – Finisco con questa poi vado. – Agata si siede sul lettino, le gambe a penzoloni. La stanza è in penombra, le tapparelle abbassate per tenere fuori il caldo. La ragazza con la coda torna e accende la luce. Fissa le cosce di Agata con attenzione, lei le stringe per guadagnare qualche millimetro ma non serve: tra una gamba e l’altra non c’è spazio. Senza i vestiti si nota di più. E’ così da sempre. Se n’è accorta anni prima confrontando la sua ombra con quella di Francesca, il sole passava attraverso le gambe dell’amica, mentre le sue disegnavano un’ombra compatta sul viale. continua →