archivio June, 2011

dia-logo: incontri letterari con le comunità straniere di Bologna

dia-logo: incontri letterari con le comunità straniere di Bologna

I bolognesi conoscono le culture dei cittadini stranieri, appartenenti ad oltre 167 comunità, con cui condividono luoghi, quartieri e spazi di socialità? Quanto siamo aperti e curiosi nei confronti dei cambiamenti e delle proposte letterarie e artistiche che arrivano dalle diverse etnie che vivono sul nostro territorio? continua →

Estate, tempo di festival letterari

Estate, tempo di festival letterari

Le qualità rinfrescanti dei libri sono note; per questo abbiamo pensato di stilare una breve lista, in auspicabile aggiornamento, dei festival letterari che si terranno questa estate lungo la penisola. Segnalateci quelli che mancano. continua →

La gelataia

La gelataia

La sera a volte invece di cucinare vado a mangiare il gelato in quella gelateria fichissima che sta dietro l’angolo. Una di quelle gelaterie che hanno il gelato normale, quello senza zucchero, quello senza latte, quello senza glutine, quello senza.

Buonissimo, il gelato, in quella gelateria là. continua →

Tre interessanti appuntamenti in città

Tre interessanti appuntamenti in città

Mamme straniere leggono

Lettura pubblica di testi prodotti dalle mamme straniere degli alunni dell’Istituto Manfredi-Tanari di Bologna, all’interno del laboratorio di scrittura organizzato dal CEFAL e finanziato dalla Fondazione del Monte nell’ambito del progetto “Seipiù”. Iniziato con l’entusiasmo di chi ha sete di qualcosa di vero e spontaneo, questo laboratorio di scrittura con Halyna, Ludmila, Ioana, Gica, Zina, Elena, Eleonora e Inna ha dato vita a immagini, racconti, colori ed emozioni condivisi. continua →

Una storia d’amore

Una storia d’amore

Il signor Dionigi fa il suo ingresso in Sala Borsa, normalmente, fra le 16:00 e le 16:30, dopo il suo regolare riposino pomeridiano, che segue un pasto frugale, consumato tête-à-tête con il telegiornale. Arriva a piedi, seguendo lo stesso identico percorso attraverso le vie del centro. Indossa pantaloni lunghi e camicia, e una coppola che solleva di quando in quando per asciugarsi il sudore con un fazzoletto di cotone. Va in Sala Borsa perché c’è l’aria condizionata e perché non sa dove altro andare.
continua →

Qual è il posto più strano in cui l’hai fatto? (terza parte)

Qual è il posto più strano in cui l’hai fatto? (terza parte)

Allo snodo degli anni Dieci del secolo ventunesimo, continuavo a farlo in posti strani.
Per esempio.

L’ho fatto in un paese del Salento in una bella sera d’estate, e per un disguido tecnico il banchetto con i miei libri era collocato dalla parte opposta del paese rispetto al luogo della presentazione, testando quindi l’abnegazione dei miei fedeli lettori.

continua →

Il libro da riscoprire: Sesso e lucertole a Melancholy Cove di Christopher Moore

Il libro da riscoprire: Sesso e lucertole a Melancholy Cove di Christopher Moore

Ingredienti per un buon cocktail rinfrescante: un quarto della follia demenziale e splatter di Chuck Palahniuk; un quarto di reminiscenze dei film ultra kitsch giapponesi sulle invasioni di giganteschi lucertoloni; un quarto di degenerazione in chiave estrema dei noir di James Ellroy; un quarto di sesso, psicofarmaci e nubi tossiche; una ciliegina per rendere il tutto più appetibile. Mescolate, non shakerate e otterrete il pazzo, iperbolico, divertentissimo romanzo di Christopher Moore Sesso e lucertole a Melancholy Cove. continua →